La CEI in dialogo con l’Islam italiano

Roma

Trasmettiamo il comunicato congiunto diramato dalla CEI a seguito dell’incontro con le comunità islamiche avvenuto lo scorso 22 settembre a Roma

Si tratta di un nuovo e incoraggiante coordinamento, valorizzazione e sviluppo sul dialogo islamo-cristiano in Italia: dalla scorsa settimana il dialogo tra musulmani e cristiani in Italia non è più solo una libera scelta estemporanea, un’azione coordinata tra singoli o associazioni o una manifestazione ispirata da delegazioni del mondo cristiano e musulmano internazionale, ma ha ricevuto l’autorevole coinvolgimento della Conferenza Episcopale Italiana.

In quanto musulmani italiani riconosciamo in questo primo incontro un punto di arrivo di molteplici attività di dialogo tra cristiani e musulmani che si sono realizzate in Italia almeno da alcuni decenni.

Fra le numerose realtà islamiche coinvolte anche la COREIS Italiana, intervenuta con il presidente Yahya Pallavicini e Halima Rubbo dalla sede regionale COREIS del Veneto di Vicenza.

Un momento dell’incontro avvenuto nei locali della CEI a Roma
 

Senza sincretismi, “buonismi” o compromessi teologici volti ad annullare le differenze (che invece sono una benedizione), crediamo che la ricerca fraterna di una profonda fede e di un profondo rispetto rappresentino forse alcuni dei punti di partenza che la COREIS insieme ai musulmani di altre organizzazioni e la CEI desiderano sviluppare.

Ringraziamo in particolar modo per questa importante iniziativa il vescovo Ambrogio Spreafico, presidente della Commissione Episcopale per l’Ecumenismo e il Dialogo, e don Cristiano Bettega, direttore dell’Ufficio CEI per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso.