“L’eredità di Pace di Shimon Peres: ebrei, cristiani e musulmani uniti nel proseguire”

Come musulmani italiani esprimiamo la nostra vicinanza a tutti i fratelli ebrei per la scomparsa del Presidente Shimon Peres, Premio Nobel per la Pace

“Dopo la scomparsa l’anno scorso del rabbino Elio Toaff – ha affermato il presidente della COREIS imam Yahya Pallaviciniun altro protagonista della comunità ebraica internazionale per la Pace lascia l’eredità di questo nobile compito che noi vogliamo continuare a condividere con la comunità ebraica e cristiana e tutte le persone seriamente intenzionate a operare secondo questa prospettiva di Pace interiore ed esteriore”.

E’ stato un vero onore poterlo conoscere, in occasione della visita di papa Francesco in Terra Santa nel 2014, quando il nostro fondatore Shaykh Abd al-Wahid Pallavicini insieme a una delegazione della COREIS Italiana furono ospitati da Peres nella sua residenza per il ricevimento offerto alla presenza del pontefice.

Lo Shaykh Abd al-Wahid Pallavicini, Fondatore della COREIS Italiana, durante l’incontro con Papa Francesco ospitato nella residenza di Shimon Peres (al centro sul palco) il 26 maggio 2014