Riportiamo in calce la traduzione del comunicato stampa diramato dall'IHEI (Institut des Hautes Etudes Islamiques), associazione partner con cui la CO.RE.IS. Italiana è gemellata in Francia.

La COREIS (Comunità Religiosa Islamica) Italiana sostiene e condivide pienamente la presa di posizione espressa nel comunicato dell’IHEI, organo che partecipa attivamente alle concertazioni con il Ministero dell’Interno della Repubblica Francese, e darà seguito anche in Italia a questa iniziativa di testimonianza di fratellanza spirituale: domenica 31 luglio, prima della Santa Messa, delegati della COREIS porteranno il saluto in chiesa al vescovo e al parroco nelle seguenti città: Roma, Milano, Novara, Genova, Verona, Sondrio, Ventimiglia, Brescia, Vicenza, Fermo, Siena, Piacenza, Brindisi, Palermo e Agrigento.
Ci sembra fondamentale in questo momento drammatico dare con questo saluto dei musulmani d’Italia un segno concreto di profondo rispetto della sacralità dei riti, dei ministri e dei luoghi di culto del Cristianesimo dove i fedeli e i cittadini ricevono le benedizioni della comunione spirituale.

Comunicato dell’IHEI Institut des Hautes Etudes Islamiques

I membri dell’Istituto di Alti Studi Islamici (IHEI) esprimono il proprio sgomento e cordoglio di fronte al barbaro omicidio perpetrato contro padre Jacques Hamel a Saint Etienne du Rouvray, pochi giorni dopo la tragedia che ha colpito decine di persone innocenti sulla Promenade des Anglais a Nizza.
Le nostre preghiere e la nostra vicinanza vanno alla memoria di padre Jacques Hamel, a tutte le vittime e alle loro famiglie.
La vita umana è sacra e inviolabile, e nessuno può arrogarsi il diritto di toglierla.
Noi, cittadini francesi e credenti nell’unico Dio di Abramo, rifiutiamo ogni forma di violenza, fisica o verbale, e condanniamo con la massima fermezza questi atti di terrorismo che, usurpando il messaggio dell’Islam, cercano di seminare divisione ed esclusione all’interno della nostra comunità nazionale.
I musulmani francesi si sentono invece parte integrante della società laica, assieme a tutte le sue componenti e alle altre religioni, per contribuire attivamente all’edificazione di una società pacificata, più giusta e serena.
Nel momento in cui alcuni evocano ancora lo scontro di civiltà, è nostro dovere ingaggiarci in un autentico sforzo intellettuale e spirituale nello spirito di un riconoscimento reciproco. E’ a questo questo sforzo al quale sono chiamati non soltanto tutti i fedeli e le fedeli di qualsiasi confessione o credo, ma anche tutti gli uomini e le donne “di buona volontà”.
Questi avvenimenti tragici ci richiamano ancora di più alla necessità di operare in tal senso. E’ in questa prospettiva di conoscenza autentica e fratellanza che l’Istituto di Alti Studi islamici continua a lavorare con i suoi fratelli e sorelle delle altre tradizioni religiose e con tutte le componenti della società, in Francia e in Europa.
Per mostrare il loro sostegno, i membri dell’Istituto di Alti Studi islamici si uniranno alla celebrazione della messa domenica 31 luglio, nelle cattedrali e nelle chiese di Parigi, Lione, Marsiglia, Gap, Embrun, Rennes, Lille, Perpignan e Tolone

© 2020 - COREIS (Comunità Religiosa Islamica Italiana) / VIA GIUSEPPE MEDA 9 / 20136 MILANO / C.F. 97139100156 / Privacy policy, Cookie policy